Zest a Caiazzo con Amelia!
Fuudly FuudlyFuudly Fuudly |

Zest a Caiazzo con Amelia!

Mr.Fuudly goes around - Zest Caiazzo con Amelia

 

 - Siamo andati all'inaugurazione di Zest a Caiazzo (Caserta) dove il menù è a cura della nostra Amelia Falco - 

 

Il rapporto che ci lega ad Amelia Falco è speciale, una cara amica del nostro social Fuudly.com e nostra. La seguiamo da sempre e dopo Masterchef la sua carriera ha preso il volo grazie alla sua dedizione, passione, determinazione e talento. La premessa è doverosa perchè siamo un po' di parte, tutto ciò che propone Amelia lo approviamo e incoraggiamo, ci fa sognare e dobbiamo sempre decidere se ci piace tanto, tantissimo o immensamente. Quando ci ha invitati per l'inaugurazione di Zest a Caiazzo, nella sua terra, ci siamo precipitati. 

Amelia con tutto il Team Zest

Amelia da Zest, eccola con tutto il Team Zest nella foto sopra, ha effettuato una consulenza gastronomica a 360°, seguendo il progetto dall'inizio alla fine e curando nei minimi particolari il menù. Abbiamo conosciuto a fondo durante l'inaugurazione i 4 soci fondatori di Zest, con cui Amelia ha lavorato per mesi fino all'apertura. Il loro obiettivo è portare una ventata di novità ed entusiasmo sul territorio, lo si percepisce chiaramente quando raccontano la storia del progetto, e anche quando abbiamo esplorato il locale e provato l' "esperienza Zest", tale ambizione traspariva in maniera nitida. Il nome del locale "Zest" deriva dalla buccia di agrumi che si aggiunge grattugiata su un piatto per esaltarne il gusto. E l'ambizione dei ragazzi è proprio questa: un primo passo importante e non scontato. Sapere dove si vuole andare e dove ci si vuole collocare è fondamentale. Poi occorre fare bene l'execution, e solo il tempo potrà dirci se Nicola, Michele, Pasquale e Valeria costruiranno con Zest una tappa gastronomica importante del territorio. Intanto le premesse ci sono tutte.

Zest è un posto dove si può assaporare carne di qualità e tanti altri prodotti del territorio in modo gustoso e intrigante, oltre che decisamente social. Ed è per questo che a noi ha colpito positivamente da subito. Fuudly è il social network della buona cucina. Social significa condivisione, e cosa c'è di meglio di un posto dove carne di altissima qualità può essere cotta dai commensali su una griglia posta al centro del proprio tavolo, in modo super social!

Esatto avete capito bene, un’esperienza unica nel Sud Italia per gustare le carni più pregiate, che potete cuocere direttamente al vostro tavolo grazie ad un sistema di griglie integrate con aspirazione dal basso, che annullano completamente fumo e odore. Abbiamo a mente pochi posti così, la tradizione è quella nipponica del sistema yakiniku e vederla adattata alla terra e contaminata in chiave grigliata di carne nostrana ci ha stuzzicato molto.

Ci siamo divertiti al nostro tavolo a mettere a cuocere i pezzi più buoni, e a "rubarceli" tra di noi aumentando l'ingaggio social e il divertimento della serata, abbinato al mangiare bene. Abbiamo assaggiato un tris di tagli spettacolari di Marchigiana, Frisona e Galizia della macelleria Cillo Sabatino. L'offerta dei vini è molto interessante, così come quella delle birre artigianali (ci sono anche le Baladin del nostro amico Teo Musso). Al menù è stato sapientemente abbinato un bianco Pallalegro di Paola Riccio e per la carne un Casavecchia 2012 Alois di struttura e importanza.

E poi ci sono le polpette gourmet, anche loro al centro dell'offerta del locale, studiate nei minimi dettagli da Amelia per valorizzare i prodotti del territorio e per soddisfare i più golosi, ma anche coloro che hanno voglia di riscoprire ricette tradizionali ripensate in versione sferica. Noi abbiamo assaggiato:

  • polpette vegane alle lenticchie in panatura di riso soffiato con crema di rapa rossa e radicchio agrodolce
  • polpette di maialino affumicato con crema di patate al burro, fonduta di grana padano e petali di cipolla rossa
  • la polpetta braciola con impasto di carne di maiale e manzo ripieno di pinoli e uvetta su scarola saltata, confettura di pomodoro san marzano leggermente piccante e scaglie di Conciato Romano 6 mesi. Sì bravi fuudlers, ricordate bene, il conciato è quello di Manuel Lombardi di cui vi abbiamo parlato già qui nel Magazine.

Erano tutte spettacolari, giocate sui contrasti armonici dei sapori della terra casertana e oltre. Non sapremmo quale scegliere, certo che l'uvetta, la confettura di pomodoro san marzano e il conciato sono proprio una bomba.

Completano il menù una grande varietà di taglieri di salumi e formaggi preparati a vista in un bancone all'interno del locale. E poi ancora tante pietanze da accompagnamento e dolci preparati al momento. Vi consigliamo i formaggi strong di Mimmo La Vecchia de il Casolare.

Una parola infine sull'arredo e sulla location. Anche qui l'innovazione e la voglia di sorprendere è la chiave di lettura. Gli architetti e i designer si sono dati da fare per inserire quanto di più innovativo ci fosse disponibile. Lo stile è unico, potremmo dire urban chic, con influenza industrial e inserimento oggetti di recupero (guardate la sedia in cassa qui sotto e stupitevi) e metallo in abbondanza. Certamente non vi è nulla di paragonabile sul territorio e chi visiterà Zest se ne accorgerà. E poi la terrazza panoramica è stupenda, offre una prospettiva del tutto inedita e unica sul meraviglioso borgo di Caiazzo. E chi mangia all'interno può godere della stessa magnifica vista e prospettiva grazie alle ampie vetrate minimal con un bel sistema di scorrimento che impedisce all'aria di entrare ma non ai vostri occhi di ammirare la valle. 

Zest vi aspetta Al numero 66 di via Cattebeni, a Caiazzo provincia di Caserta. Provatelo e raccontateci su Fuudly come è andata. I fuudlers non vedono l'ora di conoscere la vostra esperienza. Se poi volete vedere Amelia Falco all'opera in una delle nostre videolezioni Fuudly, eccovi un assaggio del suo favoloso mondo a questo link

 

Share on Fuudly

is required for posting comments

  1. [{ comment.timestamp | time }]
    [{ comment.count_likes }]

Previous Post

Agriturismo Le Campestre

Next Post

Public House: i Burger Gourmet di Ornella