Mr. Fuudly incontra il Mixology Bar Milano
Fuudly FuudlyFuudly Fuudly |

Mr. Fuudly incontra il Mixology Bar Milano

il cocktail bar sostenibile dalle atmosfere anni ‘20 che spopola su TikTok

 

Tornano le incursioni di Mr Fuudly, che qui al Mixology è.. di casa. Il locale punta ad essere, e per chi lo frequenta già probabilmente lo è, la migliore cocktailarie di Milano. 

Il locale è molto bello, si sviluppa su 3 livelli. Al pian terreno, arredato in stile liberty, troviamo il grande bancone art Déco che è il frutto di una ristrutturazione, in chiave cocktailerie, di un banco pasticceria anni ‘20. Sul soppalco una 15ina di posti raccolti, con sedie dipinte a mano che riprendono le pubblicità degli amari della Milano da bere. Soppalco territorio preferito dagli instagrammer, che dall’alto riprendono Gianluca e Alessandro, i due bartender all’opera, da una prospettiva che domina la piazza Vetra, immersi nel parco delle basiliche. Al piano interrato una sorpresa, una grande sala intima e confortevole arredata in stile vintage che ricorda il proibizionismo, con divani, chester, pouff, banconi particolari e camino: un club del barman segreto tutto da scoprire che, ci spiegano i fondatori, nei prossimi mesi sarà teatro di eventi interessanti e speciali dedicati alla miscelazione, su cui non siamo riusciti a scoprire di più per il momento.

  


 

Il gestore bartender, Gianluca Amoni, è un fuoriclasse nel mondo della miscelazione con oltre 20 anni di esperienza, che ha vinto e continua a vincere premi internazionali (ultimo la miglior rivisitazione del negroni: negroni di Altavilla). Il concept del locale è unico e speciale. Non esiste lista dei cocktail (NO LISTA). E' tutto esclusivo e sartoriale. Il mixologyst è un po' psychologyst: capisce i tuoi gusti, indovina il tuo mood e ti serve un cocktail su misura, tailor made disegnato sul tuo palato. La volta successiva se torni al locale e il tuo stato d'animo è diverso dalla precedente, il Mixologyst se ne accorge e sarà differente anche il tuo cocktail, magari con la medesima base, avrà altre ispirazioni, gusti e sapori. 

 

  

 

 

Ciò che il locale sembra trasmettere appena entrati è la sartorialità, e l'esclusività di nicchia della proposta: il fatto che se ti siedi al bancone godi dell'alchimia di uno spettacolo, costituito non da acrobazie con le bottiglie, ma di sapori. Gianluca crea twist dei classici diversi per sentimenti, stagioni e gusti dei clienti. Al locale si lavora per proporre addirittura 365 varianti, una per giorno dell’anno, di classici come il cocktail Martini, ci dice il gestore (per ora il libro dei cocktail Martini di Gianluca e Alessandro ne conta oltre 200). E poi c’è una attenzione al particolare momento storico e alla sostenibilità davvero importante. Mixology Bar Milano aderisce infatti ad #ecocannucce lanciato da Marevivo e sostituisce le cannucce di plastica con ziti di pasta. Un’idea semplice e geniale, con ziti anche per celiaci all’occorrenza, che preservano il gusto del cocktail e hanno consentito al locale di risparmiare oltre 100.000 cannucce di plastica in un anno. Nel locale non esiste proprio la plastica, solo vetro e pasta. Anche l'offerta di food per l'aperitivo e accompagnamento di piatti dopo cena è semplice e stuzzicante.

 

 

 

E inoltre i fondatori sono attenti all’evoluzione delle tecniche e della ricerca in campo di miscelazione e della comunicazione che sta investendo il settore. Qui l’innovazione social ha quasi “travolto” il Mixology Bar, che si è ritrovato con un video realizzato da Andrea Dusi su Tik Tok con oltre 4 milioni di visualizzazioni, primo nel mondo per hashtag #drink e #cocktail. Nel video Gianluca prepara uno smoked Vecchia Milano fatto con Bitter Rosso, Rabarbaro e blend di whisky torbati.

 

Trovate il Mixology Bar sul sito web, su Instagram, Facebook e ovviamente Tik Tok

 

Mr. Fuudly

 

Share on Fuudly

is required for posting comments

  1. [{ comment.timestamp | time }]
    [{ comment.count_likes }]

Previous Post

Frutta e verdura di dicembre

Next Post

Future Camp: come i nostri figli possono fare un salto nel futuro