Antonia Klugmann nel suo libro, una chef che si racconta per la prima volta
Fuudly FuudlyFuudly Fuudly |

Antonia Klugmann nel suo libro, una chef che si racconta per la prima volta

Siamo andati alla presentazione milanese del libro della chef "Di cuore e di coraggio"

 

Martedì 30 gennaio, alla libreria Rizzoli in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano, il Fuudlyteam è stato alla presentazione del primo libro di Antonia Klugmann "Di cuore e di coraggio". Una interessante conversazione con Angela Frenda, food editor del Corriere della Sera,  che ha intavolato una chiacchierata vivace ed interessante. Ci sono piaciuti tanto i concetti chiave espressi da Antonia e da Angela, che più sono affini alla community di Fuudly. La cucina come spazio per le donne che recuperano loro stesse. Il fatto che in un primo libro la chef racconti sia ciò che ama sia ciò che odia, e che a soli 38 anni sia chiamata già a fare il punto sulla sua vita fino a quel momento ,visti i successi e il livello di eccellenza raggiunto. Insomma, come una rockstar che seppur giovane è talmente forte che è costretta a fare un greatest hits.

 

 

Il tutto ancora più sorprendente se pensiamo che Antonia inizia a cucinare, per uno chef, tardi, dopo i 20 anni. La chef stessa si è stupita di come la fatica del libro in realtà sia stata gestita in tempi stretti, in pochi mesi, come del resto tutti i suoi impegni in cucina, con concentrazione e velocità e circondandosi di persone efficienti ed efficaci, con affinità nel reagire subito alle necessità.

 

Nel libro c'è tutto il percorso di Antonia, il racconto, l'avventura, la scoperta e le ricette da tutte le sue esperienze nei ristoranti che l'hanno portata con coerenza a definirsi attraverso la cucina. Fino a diventare anche Klugy, come la chiama scherzosamente Joe Bastianich, ma solo e sempre per comunicare, mai facendosi fagocitare dal mezzo televisivo. La sua è una maturità di una persona colta, che inizia a cucinare a 22 anni, diventa chef a 26 e poi porta la sua idea dovunque non smettendo mai di imparare e di confrontarsi con le sfide. E' a fuoco Antonia, e la TV è parte di questo percorso comunicativo, lo strumento per non parlare più solo con un piccolo pubblico.

 

 

La chef ci piace quando parla di sè, delle sue qualità che sono anche i suoi difetti: ostinata, disordinata, egoista, egocentrica..insomma gli ingredienti perfetti per essere uno chef. Poi Antonia ha parlato della campagna, che per lei è un modo bellissimo di vivere il suo mestiere, perchè la creatività è continuamente alimentata dalle cose belle e non futili. E davvero dalle sue parole traspare una sensibilità per gli ingredienti speciale, diversa e autentica, più di quando sentiamo spesso parlare di rispetto per gli ingredienti da altri chef anche molto blasonati. Antonia ci ha dato la sensazione di essere veramente sè stessa al 100 per cento solamente quando cucina.

Nel libro i capitoli parlano di erbe aromatiche, che per la chef sono magiche e sempre una scoperta, di frutta che nelle sue sfaccettature e complessità è sinonimo di cura e di fumo e brace, che costituiscono il ricordo. La chef ha un rispetto per gli ingredienti, per la fatica che fanno per crescere od essere allevati, e ci racconta che attraverso gli ingredienti scopre il proprio io in evoluzione. E' inoltre emersa la sua sensibilità all'ambiente e alla limitazione degli sprechi, che è un altro filo conduttore del libro, dove le ricette sono collegate per non sprecare un ingrediente che non viene utilizzato. Abbiamo terminato la serata con tanta acquolina in bocca parlando di fiori di zucchina affumicati, di essiccazione e polveri di alloro e bergamotto, del rapporto della chef con la carne, fino al punto attualmente più alto della sua ricerca: il creme caramel di topinambur.

 

 

Noi vi consigliamo questo libro, le ricette sono creative, interessanti e mai banali e il filo rosso che accompagna la lettura è interessantissimo. Se riuscite a riprodurre le ricette fatecelo sapere fuudlers. E noi... beh noi andremo presto all'Argine a Vencò, però chef, le erbe con te non so se veniamo a raccoglierle tutti i giorni :))

 

Team Fuudly

 

 

 

 

 

 

Share on Fuudly

is required for posting comments

  1. [{ comment.timestamp | time }]
    [{ comment.count_likes }]

Previous Post

Salon du Chocolat con Fuudly

Next Post

#FuudlyPicture - Dalla luce all'editing