#iostoconPaolo: il gusto della vita
Fuudly FuudlyFuudly Fuudly | | Categorie: News, Eventi,

#iostoconPaolo: il gusto della vita

"Questo progetto è un omaggio a tutti quelli che soffrono e un modo per coltivare, sempre, la speranza."

Sono le parole di Paolo, le abbiamo trovate sul suo sito iostoconpaolo, che vi invitiamo a visitare. Un giovane cuoco che ha deciso di combattere e sconfiggere la malattia...con la cucina! Fuudly è il social dedicato al cibo e la nostra community è pronta a fare la sua parte per dare una mano a Paolo in questo progetto buono per davvero! Paolo è uno di noi! Aderiscono con entusiasmo al progetto i nostri amici della community di chef&maître.

Chi è Paolo Palumbo

Ventenne, Paolo ha il grande sogno di diventare uno chef e il suo talento si vede già nell'adolescenza, ma dopo alcune esperienze professionali scopre di essere una delle persone più giovani affette da SLA. Una malattia terribile, che però lui affronta con grande coraggio e determinazione: decide così di dedicare il suo impegno non solo per sé, ma anche per tutti gli altri malati che non possono più alimentarsi in modo naturale.

Così nasce il progetto #iostoconPaolo, una raccolta fondi per la ricerca, un libro di ricette e un progetto di sperimentazione del tampone "il gusto della vita".

Il grande progetto di Paolo

Oltre 7.000 persone in Italia, più di 200.000 nel mondo, questi i grandi numeri delle persone malate di SLA, cui si sommano gli ulteriori 70.000 circa che soffrono di disfagia.

 

Di fronte a questi numeri Paolo si è posto due obiettivi importanti:

1. Finanziare in Italia una cura sperimentale, con risultati mai visti prima. La prima somministrazione coinvolgerà 100 pazienti, con un costo di 750.000 €

2. La Creazione di un pool internazionale anti-SLA, presso il centro NEMO di Milano, che lavorerà nei prossimi 5 anni per arrivare a definire una strategia terapeutica concreta per i pazienti con la SLA. Il costo di questo progetto è di 4.700.000 €.

Il pool internazionale vede già coinvolti 4 Centri di Ricerca italiani (due di Milano, uno di Torino e uno di Cagliari) e 7 Centri di Ricerca internazionali: Spagna, Francia, Irlanda, Olanda, UK, Belgio, USA.  

Dietro i numeri dei malati di SLA ci sono persone che, come ci ricorda Paolo, si nutrono tramite sondini o pappette omogeneizzate senza più riuscire a nutrirsi in modo naturale. Ed è a loro che si rivolge "il gusto della vita": un tampone che a contatto con le papille gustative sprigiona il sapore di cibi tipici, dalla pasta alla carbonara al tiramisù, idea di Paolo. Inoltre Paolo e lo chef Luigi Pomata hanno pubblicato il libro di ricette "Sapori a colori", dedicato a chi soffre di disfagia ma non solo, perchè le ricette sono buonissime, davvero da provare! L'intero ricavato dalla vendita del libro, e dei tamponi sarà devoluto per la ricerca sulla SLA.

 

Si parte dall'Italia, ma con il supporto di tutti riuscirà ad arrivare a livello internazionale. Aiutiamo Paolo a realizzare questo sogno?

La sua storia ha già aperto il cuore di Giulio Golia delle Iene, Massimo Gramellini e tanti altri sono i personaggi che ci hanno messo la faccia, anche il presidente Obama:

 

 

 

#iostoconPaolo: Fuudly con chef&maître lanciano la staffetta del gusto!

Aiutare la ricerca per sconfiggere la SLA e riportare il piacere dei piatti preferiti della tradizione a chi non può più assaporarli per colpa della malattia: una sfida importante e coraggiosa! Quindi ora tocca a noi sostenere Paolo in questo viaggio con una staffetta rivolta a chi ama la cucina per diffondere il suo messaggio e raccogliere i fondi di cui ha bisogno, e anche di più!

Come? Con la cucina e con i social, quello che sappiamo fare meglio, insieme a voi!

Qual è il vostro piatto preferito? Quello che non vedete l'ora di mangiare e ogni volta che ve lo trovate davanti vi si illuminano gli occhi? Vogliamo vedervi!

Filmatevi in un breve video in cui mangiate quel piatto (azzannate quel panino, addentate quella pasta, vi buttate su quella torta...vale tutto!), pubblicatelo sui vostri social con l'hashtag #iostoconPaolo e se potete fate una donazione al sito iostoconpaolo invitando i vostri amici a fare lo stesso. Altrimenti anche senza donare, aiutateci sui social a diffondere il messaggio con i vostri video. Alla fine della staffetta creeremo un video riassuntivo, che avrà ampia diffusione sui media e raccoglierà tutti questi filmati in un racconto che parla di cucina e di solidarietà!

Facciamo in modo che il suo messaggio arrivi a tutti!

 

Come potete partecipare alla staffetta?

Per partecipare alla staffetta gli ingredienti sono semplici:

  • Scegliete il vostro piatto preferito, uno fra i più gustosi, quello che vi piaceva quando eravate piccoli...la scelta è ampia!
  • Filmatevi IN VERTICALE con lo smartphone, o fatevi filmare mentre lo mangiate con gusto! (questa è la parte più divertente)
  • Includete nel vostro filmato l'hashtag, scrivetelo dove volete o scrivetelo col cibo...a voi la parola, usate la fantasia!!!
  • Se potete, fate una donazione al sito iostoconpaolo.saporiacolori.it - a voi la scelta se una donazione, comprare il libro, o entrambi! Ma soprattutto invitate in ogni caso i vostri amici a diffondere il messaggio!
  • Postate su tutti i vostri social il filmato con l'hashtag #iostoconPaolo, invitando i vostri amici e contatti a fare la stessa cosa 
  • Aggiungete al vostro post i dettagli su come donare per il progetto

In questa pagina vi abbiamo dato alcuni spunti, ma voi stupiteci con le vostre idee!

Il 19 ottobre 2017* chiuderemo la raccolta dei video (ma voi continuate a donare e diffondere il messaggio!) per creare il video di raccolta di tutti i vostri filmati. Potete inviarci video e link alla email fuudly@fuudly.com, oppure sui social di Fuudly.

*Edit: la Staffetta sta piacendo a tutti! E anche a noi, anche perché qui a Fuudly al progetto NEMO di Paolo ci crediamo davvero. Quindi la Staffetta prosegue! Continuate a mandarci i vostri video, c'è tempo fino a Natale.

 

E ora diamo il via alla staffetta del gusto!

 

 

 

 

Condividi su Fuudly

necessario per pubblicare un commento

  1. [{ comment.timestamp | time }]
    [{ comment.count_likes }]

Articolo Precedente

Public House: i Burger Gourmet di Ornella

Articolo Successivo

Codex Alimentarius